Resoconto della 110a Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia Roma 22-23 Marzo 2013

Autori: Amos Casti
Print Friendly, PDF & Email

Saluto delle Autorità: il Prof. Caruso chiede di giustificare l’assenza del Magnifico Rettore in viaggio di ritorno dagli Stati Uniti ma che sarà presente domani mattina, e presenta il ProRettore alla didattica, il Preside, il Direttore Generale dell’Azienda, il Direttore del Dipartimento ed il decano della Medicina Interna che portano il saluto per le loro competenze ed illustrano le problematiche di loro pertinenza.

Comunicazioni del Presidente. Il Prof. Lenzi rimarca con forza la notevole riduzione del finanziamento FFO, il calo dei laureati e delle immatricolazioni ma anche dell’offerta formativa e soprattutto la drammatica riduzione dei professori ordinari. Occorre ripensare tutti i sistemi formativi dalle scuole di specializzazione ai dottorati di ricerca ai corsi di studio, assieme al ruolo dei dipartimenti, Facoltà/Scuola, Presidi. Ricorda la nota del Dott. Livon sull’incardinamento dei corsi di studio nella Facoltà. Approfondisce le nuove regole per la prova di ammissione e l’orientamento degli studenti molto precocemente al terzo/quarto anno di scuola media superiore. Accenna alla possibilità da parte del CUN della revisione dei SSD in previsione dei concorsi del 2014. Infine sintetizza gli argomenti che saranno discussi nella mattinata di sabato 23 marzo.

Il Prof. Gilberto Corbellini presenta la sua relazione “Dall’EBM (evidence based medicine) all’ebm (evolution based medicine): implicazioni per l’insegnamento della medicina”, che suscita notevole interesse e dà corso ad una approfondita discussione con chiarimenti e delucidazioni.

Nel pomeriggio si è tenuto il Forum Pedagogico “L’integrazione nel territorio del sistema delle cure: proposte per una integrazione del percorso formativo”, organizzato in quattro laboratori: 1. L’interazione medico-paziente-famiglia in fase precoce (early clinical contact) e avanzata (Coordinatore G. Familiari); 2. L’approccio professionale al paziente e le sue implicazioni metodologiche (Coordinatore R. Valanzano – A. Palmeri); 3. Interazione Ospedale-Territorio nel curare e nel prendersi cura  (C. Palumbo); 4. La gestione delle risorse nell’interazione tra Ospedale e Territorio (Coordinatore P.M. Furlan); con il dibattito conclusivo in assemblea condotto da P. Gallo e la proposta di un curriculum longitudinale che includa il contributo del territorio.

Sabato 23 marzo, dopo il saluto del Magnifico Rettore rientrato dagli Stati Uniti, inizia la presentazione dei gruppi di lavoro, coordinata dai Proff. R. Valanzano e A. Lenzi.

Il Prof. Demelia illustra la distribuzione dei CFU ai SSD con i dati a lui pervenuti da 28 Corsi di Laurea. Con le medie e i minimi e massimi. La presentazione suscita interesse ma deve essere ulteriormente approfondita con i dati dei Corsi di Laurea mancanti. Viene anche presentata la distribuzione dei corsi integrati nei Piani di Studio. A seguito di questa presentazione viene sollevato il problema dei corsi integrati che si sviluppano su più semestri e più anni e si delibera di presentare una mozione per la quale un esame unico sia sostenuto alla fine del corso (allegato 1) ed inoltre una ulteriore mozione per la quale i CFU delle attività didattiche elettive non debbano obbligatoriamente essere acquisiti con un esame specifico (allegato 2).

Il Prof. Scarone riferisce i risultati del gruppo di lavoro sulle cure palliative e, dopo aver passato in rassegna la normativa e la situazione nel servizio sanitario nazionale, presenta i risultati del questionario, la situazione nelle varie sedi e la proposta di inserimento nel curriculum di queste problematiche molto precocemente e verso la fine del corso, anche mediante l’attività formativa professionalizzante. Dalla discussione emerge la necessità che tutti i corsi di laurea dedichino una serie di CFU a questo argomento e che il gruppo “Core curriculum” proceda alla revisione delle UDE rendendo obbligatorie quelle relative a questo argomento. Per quanto attiene le malattie rare si delibera di riferire nella prossima riunione della Conferenza, coinvolgendo anche la giornalista M. De Bach, autrice di un libro su questo tema.

Il Presidente rende noto che la FNOMCeO  sollecita una cooperazione per cercare di stimolare l’attenzione nei confronti di docenti che vogliano recarsi in paesi in via di sviluppo per svolgervi attività formativa.

La Prof. Filippelli riporta i risultati del questionario sull’insegnamento della farmacovigilanza con descrizione in quali anni è svolta, con quanti CFU, in quali corsi integrati e con quante ore di insegnamento ed in quale attività formativa. Dalla discussione emerge che occorre porre estrema attenzione al fatto che nei nostri corsi sia dedicata una congrua attenzione al tema della farmacovigilanza; in tal senso si invitano tutti i Presidenti ad una sollecitazione ai Docenti del settore, e al gruppo Core Curriculum per la revisione delle UDE obbligatorie in tal senso e al Presidente della Conferenza delle scuole e facoltà prof. Gaudio di segnalare il punto anche ai presidi e direttori scuole e si delibera che a distanza di qualche mese venga ripetuta la valutazione di quanto accaduto attraverso apposito questionario.

Il Prof. Della Rocca, relativamente alle site visit, riferisce gli approfondimenti relativi ai requisiti minimi aggiuntivi rispetto a quelli già approvati nella precedente riunione di Roma del 10.12.12, e i diversi livelli di accreditamento.

Il Prof. Familiari ed il Prof. Cavaggioni presentano una proposta di un modello sperimentale per la selezione e l’accesso ai Corsi di Studio in Medicina e Chirurgia. Tale argomento viene approfondito con l’intervento del Prof. Gaudio sulle modalità di svolgimento della prova di accesso al Corso di Laurea di Medicina a partire dal prossimo luglio.

Il Prof. Familiari ricorda le difficoltà sorte relativamente alla scheda AVA e ne illustra la formulazione definitiva concordata con Alfredo Pontecorvi, Giuseppe Familiari, Fabrizio Consorti, Pietro Gallo, Andrea Lenzi ed Eugenio Gaudio.

Poiché dal 19 marzo l’ANVUR chiede di registrarsi come valutatori all’unanimità la Conferenza invita tutti i Presidenti e Past-President a registrarsi nel sito dell’ANVUR.

Dopo aver illustrato l’indice del prossimo numero della rivista della Conferenza, si comunica che la prossima riunione della Conferenza si terrà a Roma il 23 e 24 giugno 2013.

Comments are closed.