Notizie dall’ANVUR, dal CUN, dalla Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie

Print Friendly, PDF & Email

Agenzia Nazionale Valutazione Università e Ricerca – ANVUR

Sono molteplici le attività dell’Agenzia, alcune delle quali stanno maturando proprio in questi giorni in cui mi accingo a dare il mio consueto con-tributo alla rubrica.

Il processo di sorteggio delle Commissioni giudicatrici della ASN è terminato dopo che ANVUR aveva effettuato i consueti controlli come stabilito dal decreto. Si apre quindi la seconda fase che terminerà come da calendario per la presentazione delle domande dei candidati.

A riguardo delle Scuole di Specializzazione il 26 Novembre ultimo scorso si è svolta un’ importante riunione dell’Osservatorio cui ha partecipato anche l’Agenzia e che dovrebbe portare a compimento il lungo cammino verso la nuova edizione del relati-vo DM che potrebbe permettere la parziale riforma dell’Indicatore A di ANVUR: questo consentirebbe che anche i Ricercatori di tipo B, purché in possesso del requisito costituito dal raggiungimento della soglia ASN per Professori Associati, possano entrare a far parte del Collegio di Docenza della Scuole. Sarebbe altresì auspicabile che le soglie, in caso di promozione alla fascia superiore di un docente della Scuola, venissero mantenute alla fascia di appartenenza per quanto riguarda il calcolo per almeno due o tre anni. Tutto questo sarà possibile solo in presenza di un nuovo decreto. In caso di-verso comunque si può affermare che il processo di accreditamento delle Scuole sta trovando una sua metrica ben stabilizzata anche rispetto alla qualificazione scientifica dei relativi Collegi. Decisamente positiva l’integrazione con l’Agenzia sulle schede di soddisfazione degli studenti e sulle Site Visit, con progetto di immissione delle Scuole nel circuito valutativo di AVA; si sta già lavorando ad un modello da proporre ad uno dei prossimi Consigli Direttivi dell’ANVUR

Si prevede inoltre che entro la fine dell’anno il Decreto relativo ai Dottorati di Ricerca possa essere riscritto ed a questo proposito ANVUR sta rielaborando le linee guida alla luce dell’esperienza di questi due anni. Alcuni significativi cambiamenti sono previsti, soprattutto nell’ottica di una forte semplificazione dei processi e di criteri meno stringenti degli indicatori relativi sia alla qualificazione del Coordinatore che del Collegio di Dottorato.

Il 22 Novembre presso l’ANVUR si è conclusa anche la visita di ENQA, il network dell’Assicura-zione della Qualità nella didattica, in vista di una definitiva affiliazione dell’Agenzia Italiana presso lo stesso Network.

Per finire da pochi giorni sono state pubblicate sul sito dell’Agenzia le nuove linee guida per la compilazione della scheda SUA-Terza Missione. Si invita a prenderne visione anche in vista delle forti implicazioni che essa ha rispetto al capitolo della tutela della salute.

Prof. Paolo Miccoli

Membro Consiglio Direttivo ANVUR


Consiglio Universitario Nazionale

Nel mese di novembre è stato approvato Il Parere sullo schema di decreto ministeriale relativo ai criteri di ripartizione di ulteriori risorse a valere sul fondo di finanziamento ordinario (FFO) per l’anno 2018.

Il Consiglio Universitario Nazionale, ha approvato il testo nel quale, pur valutando con favore gli interventi di incentivo e di riequilibrio posti in essere dal Ministero, ribadisce quanto già espresso in quello del 25 luglio 2018 sullo schema di decreto relativo ai criteri di ripartizione di ulteriori risorse a valere sul Fondo di Finanziamento Ordinario per l’anno 2018.

In questo parere vi è inoltre l’auspicio che, nell’iter parlamentare di approvazione della legge di bilancio per il 2019 e per il triennio 2019-2021, siano previste e individuate risorse aggiuntive per il finanziamentodelle Università.

E’ proseguita la discussione sulle proposte elaborate in vista di un adeguamento dell’offerta formati-va, attraverso la creazione di nuove classi di laurea a orientamento professionale (Professioni agrarie, alimentari e forestali; Professioni civili ed edili; Professioni industriali e dell’informazione; Professioni tecniche paraveterinarie), di laurea triennale (Scienza dei materiali) e di laurea magistrale (Data science; Gestione e valorizzazione del patrimonio culturale; Ingegneria dei materiali; Neuroscienze; Scienza dei materiali), anche alla luce dei contributi pervenuti dalle comunità scientifiche e accademiche dopo la presentazione pubblica a Torino del 6 novembre e la pubblicazione delle bozze sul sito del CUN.

Il professor Giovanni Docimo dell’Università della Campania Vanvitelli è il nuovo rappresentante per i professori di II fascia dell’area medica.

Prof. Manuela Di Franco

Consigliere CUN Aera 06, Segr. Generale


Segretariato Italiano Studenti in Medicina – SISM

L’hidden curriculum del SISM

Da quasi cinquant’anni il SISM offre agli studenti opportunità per accrescere il Sapere, allenare il Saper Fare e maturare il Saper Essere per diventare medici migliori.

Riteniamo che essere un bravo medico significhi molto più che porre diagnosi e impostare terapie. Deve saper curare, ma anche prendersi cura dei propri pazienti.

Coloro i quali decidono di mettersi in gioco svolgendo un ruolo attivo in Associazione oltre a raggiungere gli obiettivi formativi formali sviluppano quelle dimensioni implicite e latenti dell’insegna-mento e dell’apprendimento note come hidden curriculum (“curriculum nascosto”).

Il SISM funge infatti da catalizzatore consentendo allo studente di coltivare una incredibile quantità di competenze trasversali (note come Soft Skills), declinandole in una cornice costituita dai Valori Associativi espressi nei nostri Policy Statement (https://nazionale.sism.org/la-nostra-policy) e raccolti nella Carta dei Valori.

Ecco quindi che tra una giornata di sensibilizzazione ed un corso professionalizzante, lo studente “SISMico” impara a pianificare e ad organizzare attività portandole avanti sia in autonomia, che lavorando d’equipe. Lo fa adoperando strumenti di conflict management e feedback oltre ad applicare un’efficace leadership situazionale. Sviluppa le fondamentali abilità di comunicazione efficace che saranno indispensabili con i colleghi ed i pazienti. Si adatta a rispondere alle difficoltà, a gestire lo stress generato dagli imprevisti e si allena a mettere in atto strategie di problem solving per conseguire gli obiettivi prefissati.

Tutte queste competenze e sensibilità li accompagneranno nel resto delle loro carriere rendendoli, noi crediamo, medici, cittadini e persone migliori.

Il tutto per essere parte attiva di quel cambiamento che vorremmo vedere realizzarsi nel mondo.

Giuseppe Agresti – Liaison Officer for Medical Education Issues 2018


Comments are closed.