Notizie dall’ANVUR, dal CUN, dalla Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie, dal SISMn.79, 2018, pp. 3541-3544

Print Friendly, PDF & Email

Agenzia Nazionale Valutazione Università e Ricerca – ANVUR

All’inizio del mese di Agosto il MIUR ha emanato il decreto contenente le soglie per l’abilitazione Scientifica Nazionale (ASN): come da noi segnalato quindi nella rubrica del numero precedente, il processo seguirà sostanzialmente il cronoprogramma previsto dal Ministero e consentirà di rispettare le scadenze utili a permettere a tutti i Professori Ordinari che siano in ruolo fino al 31 Ottobre, e che ne abbiano titolo, di partecipare all’estrazione per la carica di Commissario prima della collocazione a riposo.

Le scadenze per la presentazione delle domande per gli aspiranti Professori Ordinari e Professori Associati andrà conseguentemente a termine verso la fine dell’anno.

A questo proposito si precisa anche che ANVUR ha pubblicato il 25 Settembre la lista definitiva e aggiornata delle riviste, sia quelle scientifiche che quelle di fascia A utilizzate per il raggiungimento delle ricordate soglie all’interno delle Aree non bibliometriche.

L’Agenzia ha iniziato, come da norma, dal primo Ottobre la verifica dei requisiti dei docenti che hanno fatto la domanda per commissari.

Si ricorda che nella stessa data il Ministro Bussetti ha anche firmato i decreti relativi all’FFO e ai Costi Standard previo parere di ANVUR per entrambi.

Il 10 di Ottobre terminerà anche il processo di valutazione dei progetti ammessi ad usufruire delle borse di dottorato aggiuntive finanziate nell’ambito del progetto PON. Si ricorda che tali finanziamenti dell’Unione Euro-pea sono destinati esclusivamente agli Atenei del Sud e delle Isole. Un numero cospicuo, sicuramente maggioritario, di queste borse fa proprio riferimento alle Aree CUN 5, 6 e 7. La lista degli esperti valutatori era stata compilata nel Luglio scorso.

Continua nel frattempo il lavoro dell’Osservatorio delle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria al cui fianco ha lavorato l’Agenzia nell’elaborazione dell’Indicatore ANVUR di qualificazione scientifica del Collegio dei Docenti delle Scuole stesse.

Il 25 Ottobre l’Osservatorio ha proceduto ad un’au-dizione del Presidente di ANVUR: si è discusso sulle possibili modifiche che è ragionevole introdurre rispetto all’Indicatore per renderlo più flessibile soprattutto per quei Ricercatori ed Associati che vengano chiamati alla fascia superiore. ANVUR raccomanda, in pieno accordo peraltro con l’Osservatorio, che anche i Ricercatori di tipo B possano entrare a far parte del Collegio di Docenza della Scuole e partecipare così al calcolo dell’Indicatore: su questo aspetto però si pone la necessità di una riscrittura del relativo Decreto Interministeriale.

Il 18 Luglio a Parigi si è svolto un incontro presso l’HCERES, Agenzia di Valutazione francese delle Univer-sità e della Ricerca, per stabilire la fondazione di un Con-sorzio fra Agenzie Valutatrici Europee, di cui farà parte ANVUR insieme all’Agenzia Spagnola ed Olandese per ef-fettuare la valutazione quinquennale di ECRIN (European Clinical Research Infrastructures Network).

I lavori di valutazione inizieranno con una nuova riunione che si terrà il 22 Ottobre a Madrid.

Prof. Paolo Miccoli

Presidente ANVUR

 

Consiglio Universitario Nazionale

Nell’ adunanza precedente la pausa estiva Il CUN ha espresso il proprio parere sulla proposta ANVUR con-cernente l’aggiornamento dei valori soglia degli indicatori ASN.

Esaminato il documento di accompagnamento alle tabelle contenenti i nuovi valori soglia per l’ASN elaborato dall’ANVUR, il CUN premette di ritenere comunque prioritario che si assicurino continuità e stabilità alle procedure di abilitazione, e ribadisce di non condividere la procedura adottata da ANVUR che conferma di fatto la logica delle “mediane” dell’ASN 2012-13, in contrasto con lo spirito della legge 240/2010 (come modificata dal decreto-legge n. 90/2014).

Il Consiglio esprime comunque apprezzamento per gli interventi migliorativi che l’ANVUR ha apportato alla procedura – alcuni dei quali erano stati peraltro suggeriti dal CUN nel parere del 26 luglio 2016 – e formula osservazioni su aspetti sia generali che particolari, riferiti rispettivamente alle aree bibliometriche e alle aree non-bibliomentriche.

Il CUN ha espresso parere favorevole, con osservazioni, sullo schema di decreto recante i criteri per il riparto del FFO delle Università per l’anno 2018, sottolineando come lo schema rifletta, con minime variazioni, la struttura dei decreti relativi ai FFO dell’ultimo triennio (25/7/2018 www.cun.it).

Nella seduta del 4 settembre, il CUN ha incontrato esponenti di Confindustria – Giovanni Brugnoli (Vice Presidente per il Capitale Umano), Pierangelo Albini (Direttore area lavoro, welfare e capitale umano) e Ric-cardo Di Stefano (Vice Presidente dei giovani imprendi-tori) – per discutere il tema della formazione professionalizzante (iniziative già adottate, in via sperimentale e in fase di progettazione).

Concluse le consultazioni dei soggetti interessati, il CUN ha esaminato e discusso le prime proposte formulate dagli otto gruppi di lavoro designati al fine di elaborare le proposte istitutive delle nuove classi di Laurea Magistrale e di stabilire su quali classi già esistenti effettuare una manutenzione.

Il 6 novembre il CUN sarà convocato, in seduta pub-blica, presso l’Ateneo di Torino.

Nel corso della sessione sarà presentato lo stato di avanzamento delle proposte fino ad allora elaborate dal CUN per la costituzione di nuove classi di laurea e gli interventi di manutenzione delle classi esistenti, al fine di realizzare un adeguamento dell’offerta formativa del sistema universitario italiano coerente con le esigenze dei contesti culturali, sociali ed economici.

Il 26 settembre il Viceministro On.le Lorenzo Fioramonti ha incontrato il Consiglio ed ha espresso l’impegno a incrementare le risorse per l’Università e la Ricerca.

Prof. Manuela Di Franco

Consigliere CUN Area 06, Segr. Generale

 

Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie

 

Si apre un nuovo triennio: breve report delle elezioni Durante il Meeting Annuale presso l’Università di Bologna che affrontava quest’anno ‘Lo sviluppo scientifico e specialistico delle professioni sanitarie’ alla presenza di oltre 300 partecipanti, si sono tenute il 28 e il 29 settembre scorso le elezioni delle cariche delle 26 Commissioni Nazionali di cui si compone la Conferenza. Ciascu-na Commissione, dopo essersi riunita ed aver discusso le attività svolte nell’ultimo quadriennio, ha raccolto le candidature e quindi provveduto alle elezioni dei mem-bri in rappresentanza dei Docenti Universitari che svolgono funzioni di Presidente/Coordinatore dei Corsi di Studio; dei Docenti delle Discipline Professionalizzanti con funzioni di Direttore/Responsabile delle Attività Formative Professionalizzanti, nonché dei Docenti dei SSD di riferimento. Quindi, sono stati elette le cariche di ciascuna Commissione sintetizzate nella tabella 1.

La Professoressa Luisa Saiani dell’Università di Verona è stata confermata all’unanimità Presidente della Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie e sarà affiancata dalla Prof.ssa Alvisa Palese dell’Università di Udine nel ruolo di Segretario Generale e dal Dott. Angelo Mastrillo dell’Università di Bologna nel ruolo di Segretario.

La carica di Vice-Presidente Vicario e di ulteriori Delegati/Referenti saranno individuati nella prima riunione della Giunta che si terrà a breve ed in cui verrà discusso anche il piano degli impegni.

Nell’Assemblea conclusiva che ha tracciato alcune priorità di lavoro, è stato espresso un caloroso augurio ai neo-eletti affinché sia un triennio di successo; è stato espresso un altrettanto caloroso ringraziamento a tutti i componenti delle Commissioni Nazionali uscenti per la dedizione con cui hanno sostenuto le diverse iniziative e promosso lo sviluppo della qualità dei Corsi di Laurea delle professioni sanitarie.

Alvisa Palese

Segretario Generale della Conferenza Permanente

 

Segretariato Italiano Studenti in Medicina – SISM

Il SISM e la Social Accountability

Il SISM è membro ufficiale della IFMSA (Interna-tional Federation of Medical Students’ Associations). La Federazione, nata nel 1951, rappresenta, connette, impegna e ispira ogni giorno oltre 1,3 milioni di stu-denti in 127 nazioni. Essa si riunisce due volte l’anno nella sua “General Assembly”.

 

Ad agosto, a Montreal, si è tenuta la 68esima Ge-neral Assembly durante la quale circa mille giovani studenti di medicina provenienti da oltre cento nazio-ni si sono riuniti. In tale contesto essi hanno potuto incontrarsi e creare una strategica rete internazionale, riconoscendosi nelle similitudini delle loro realtà, ma anche arricchendosi delle diversità che il multiculturalismo di un evento del genere può offrire. Il tutto formandosi e confrontandosi su tematiche chiave di Medical Education, Salute Pubblica, Salute Riproduttiva, Salute Globale e sviluppando quei talenti trasversali così utili e così trascurati che rispondono al nome di Soft Skills.

Durante l’evento insieme a diversi ospiti, abbiamo potuto riflettere sulla Social Accountability (SA) e le sfide ad essa associate (il cambiamento climatico, l’AMR, le medicina delle migrazioni…).

L’OMS definisce la SA delle Facoltà di Medicina come “l’obbligo che esse hanno nell’orientare l’educazione, la ricerca e le attività di servizio nei confronti delle priorità di salute che riguardano la comunità, la regione e/o la nazione che esse hanno il mandato di servire. Priorità che sono identificate insieme ai go-vernanti, alle organizzazioni di salute, ai professionisti della salute e alla popolazione.” (WHO 1995).

La SA ha come dimensioni la Qualità (in grado di soddisfare sia le aspettative professionali che quelle della comunità), l’Equità (l’opportunità per tutti di accedere ai servizi), la Rilevanza (i problemi più impor-tanti localmente sono affrontati prima), le Partnership (il tener conto di tutti gli stakeholders) e l’Efficienza (miglior impatto sulla salute al minor costo possibile).

Tali indicatori dovrebbero essere presi in considerazione insieme ai descrittori di Dublino quando si programmano e si aggiornano dei corsi universitari per garantire agli studenti, futuri medici, quelle co-noscenze, abilità e competenze relazionali che permettano loro di avere un impatto positivo sulla salute delle persone della loro comunità.

Il SISM nell’organizzare le sue attività cerca di ispirarsi a tali principi perché crede fortemente che “L’insegnamento della medicina non esiste per dare agli studenti un modo per vivere, ma per assicurare la salute alla comunità.” (Rudolf Virchow, fondatore della medicina sociale).

L’IFMSA ha messo a disposizione un’agile guida sulla Social Accountability comprensiva di un utile e rapido “assessment tool” consultabile visitando “https://ifmsa.org/social-accountability”

Giuseppe Agresti

Liaison Officer on Medical Education issues 2018

SISM – Segretariato Italiano Studenti in Medicina

Comments are closed.