Notizie dal Consiglio Universitario Nazionale

Autori: Mario Amore
Print Friendly, PDF & Email

Gli ultimi mesi hanno visto il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) impegnato su temi di particolare rilevanza: tra questi, la presentazione del Protocollo d’Intesa tra il CUN e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, concretizzatasi in una giornata di studio dal titolo Territori, Università e Ricerca le relazioni necessarie. All’incontro – il 7 marzo – hanno partecipato numerosi rappresentanti delle Amministrazioni regionali e universitarie e delle Istituzioni che si sono confrontati in merito alle forme di partecipazione delle Amministrazioni Regionali al finanziamento della Ricerca, dello sviluppo tecnologico e del diritto allo studio previste dal DL 70/2011 e dalla Legge 240/2010.

Il 14 marzo il CUN è stato invitato in audizione presso la VII Commissione della Camera dei Deputati sullo Schema di decreto legislativo recante revisione della normativa di principio in materia di diritto allo studio e valorizzazione dei collegi universitari legalmente riconosciuti (Atto del Governo n. 436) e sullo Schema di decreto legislativo recante disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei.

Il 20 marzo il CUN ha incontrato il Ministro Francesco Profumo che ha informato il Consiglio sulle novità relative al FFO 2012. Lo schema di Decreto anticipa le linee programmatiche del finanziamento agli atenei che si muovono verso l’obiettivo di un sistema multifondo. I fondi verranno ripartiti su base storica, su una quota premiale (per le università più virtuose) ma anche su una quota perequativa in grado di compensare il sottofinanziamento di alcuni atenei.

Il Ministro ha inoltre voluto informare sullo stato dell’arte dell’iter normativo per l’avvio delle procedure per l’abilitazione scientifica nazionale per i docenti di prima e seconda fascia che dovrebbe essere completato entro il mese di luglio.

Ampia discussione è stata dedicata nelle varie sedute al “Regolamento recante criteri e parametri per la valutazione dei candidati ai fini dell’attribuzione dell’abilitazione scientifica nazionale per l’accesso alla prima e alla seconda fascia dei professori universitari, ai sensi dell’articolo 16, comma 3, lettere a), b) e c) della legge 30 dicembre 2010, n. 240” in registrazione alla Corte dei Conti e allo schema di Decreto che definisce i criteri di ripartizione del Fondo di finanziamento ordinario (FFO) 2012.

Sono stati inoltre approvati alcuni documenti di lavoro sul “valore legale del titolo di studio”, sulla VQR 2004-2010 e un documento recante “Considerazioni sullo schema di Decreto legislativo AG 437 e prospettive sulla programmazione del reclutamento” unitamente ad una nota tecnica su “Evoluzione normativa e prospettive del reclutamento”

In previsione della indizione della prossima procedura di abilitazione nazionale, il CUN ha approvato un parere generale di proposta di ricollocazione ai sensi dell’art. 5 DM 29 luglio 2011 per i settori concorsuali che non raggiungono la numerosità di trenta professori di prima fascia richiesta dall’articolo 15, comma 2, della legge 240/2010.

Sono state predisposte le liste delle denominazioni in lingua inglese dei Settori Scientifici Disciplinari di cui al DM 4 ottobre 2000 e dei macro settori e dei settori concorsuali di cui all’all. A – DM 29 luglio 2011 n. 366.

In relazione alla prossima emanazione del decreto istitutivo dell’Anagrafe Nazionale dei Professori Ordinari e Associati e dei Ricercatori, prevista dalla Legge 1/2009, il CUN ha approvato una mozione in cui, nel ribadire l’importanza strategica di tale strumento per una corretta gestione del sistema della ricerca italiano, chiede che l’Anagrafe sia realizzata e gestita con la massima trasparenza e visibilità verso la comunità scientifica. In particolare, nel rispetto della normativa esistente in termini di dati personali, il CUN chiede che i contenuti dell’Anagrafe relativi alle pubblicazioni dei docenti siano pubblicamente disponibili ed accessibili, secondo il principio dell’Open Data.

In merito all’attivazione dei TFA e degli eventuali ulteriori percorsi abilitanti per l’insegnamento nella scuola secondaria previsti nelle “Note a margine sul TFA” pubblicate sul sito del MIUR il giorno 8 maggio 2012, il CUN ha proposto una mozione in cui sottolinea, in particolare, la necessità del rispetto dei principi contenuti nel DM 249/2010 sia per quanto attiene alla acquisizione delle competenze didattiche e disciplinari per l’accesso alla professione docente, sia per quel che riguarda una precisa programmazione degli accessi in relazione al fabbisogno del sistema nazionale di istruzione.

Sul versante più direttamente connesso ai Corsi di Laurea Magistrale in Medicina, l’opera del Consiglio ha riguardato la formulazione di un parere sulla mozione della Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Medicina e dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia; in esso si sostiene che – in ragione delle specificità dell’Area Medica – i Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia dovrebbero essere incardinati nella struttura di raccordo (comunque denominata negli Statuti) e non nel singolo Dipartimento.

 Il CUN ha terminato  l’esame delle proposte di istituzione degli ordinamenti relativi all’offerta formativa 2012-2013, provvedendo anche al disbrigo delle pratiche di ordinaria amministrazione.

Comments are closed.