“Medicina e Chirurgia” online. Dopo tre anni un primo bilancion.65, 2015, pp.2959-2968

Print Friendly, PDF & Email

Nel febbraio 2012 è stata lanciata la versione online della rivista “Medicina e Chirurgia – Quaderni delle Conferenze Permanenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia”, con un sito ad essa dedicato (www.quaderni-conferenze-medicina.it). Dopo tre anni, è possibile tracciare un primo bilancio che, numeri alla mano, non può che essere positivo e confermare la giustezza della scelta effettuata.

In tre anni, sul sito sono stati pubblicati 11 numeri della rivista (attualmente, dal 54 al 64), per un totale di 145 articoli redatti da oltre 180 autori. Oltre a questi 11 numeri online, completamente navigabili al loro interno attraverso un indice interattivo, è stato creato e messo online un archivio liberamente consultabile in formato pdf di tutti i numeri della rivista, dalla sua creazione nel 1989 ad oggi.

Attraverso gli strumenti forniti da Google Analytics è possibile inoltre visualizzare una serie di informazioni relative al traffico del sito: nel 2014 il sito della rivista ha avuto oltre 11mila sessioni di visita, e quasi il doppio delle visualizzazioni (20345, per la precisione). Con sessione si indica l’accesso al sito e la navigazione attraverso di esso, mentre con il numero di visualizzazioni è indicato il numero effettivo di pagine visitate: questo ci dimostra come vi sia da parte degli utenti (oltre 9700 IP unici di visita) un interesse a navigare attraverso il sito, spostandosi da articolo ad articolo. Un altro dato interessante è stata la continua diffusione del sito: oltre a circa un 15% di visitatori abituali (“returning visitors”, ossia utenti che si sono collegati più di una volta nel corso dell’anno) vi sono inoltre circa l’85% di nuovi visitatori della rivista. Infine, un dato relativo alle provenienze dei visitatori del sito della rivista: se, come è prevedibile, la grande maggioranza proviene da indirizzi IP italiani, l’introduzione degli abstract in inglese ha aperto per la rivista una piccola ma significativa finestra su una dimensione internazionale: vi sono connessioni dal Brasile, dalla Germania, dalla Svizzera, dagli Stati Uniti, dal Regno Unito, dalla Francia e dalla Spagna.

Numeri incoraggianti per continuare a lavorare in questa direzione.
Senza titolo

Comments are closed.