Lo stato di attuazione della legge di riforma delle universitàn.54, 2012, pp.2381-2382. Doi: 10.4425/medchir2012-54-2

Print Friendly, PDF & Email

Abstract

The article follows a previous discussion concerning the main contents of the law 240/10 (the University Reform), examining the legal provisions contained in the law according to the degree of implementation. The law 240/10 is a law of principles, so that it contains: rules effective immediately; rules whose implementation is assigned to the decrees that have already been adopted; rules requiring implementation decrees that are still in progress. From the analysis performed the authors show how the state of implementation of the law is still far from being definitive.

Articolo

La Legge 240/10 di riforma delle Università è stata oggetto, negli ultimi mesi, di molteplici commenti1 che hanno avuto il merito di evidenziare aspetti positivi e negativi della Legge stessa. Nello scorso numero di questa rivista, dopo un breve sunto della normativa che ha regolamentato l’ambito universitario nello scorso secolo2, affrontammo l’aspetto inerente i rapporti tra Università e Sistema sanitario; anche questo ambito è stato oggetto di attenta analisi da parte della migliore dottrina3. Considerato che la L. 240/10 costituisce una Legge di principi (una legge, cioè, la cui attuazione è demandata a una pluralità di atti secondari), la sua realizzazione richiede l’emanazione di molti provvedimenti attuativi (decreti legislativi, regolamenti, decreti ministeriali). Tanto premesso, si ritiene opportuno in questa sede compiere un brevissimo esame sullo stato di attuazione della Legge, aggiornato al 20 gennaio 2012. Pertanto, saranno di seguito esaminate le disposizioni della legge:

A. immediatamente operative;
B. demandate a decreti che sono già stati adottati;
C. demandate a decreti che sono ancora in itinere.

a. Disposizioni immediatamente applicabili della L.240/10

Alcune disposizioni normative sono immediatamente applicabili e comportano, da parte delle Università, l’adozione di un atto specifico. Nelle successive tabelle sono indicati gli articoli che prevedono le principali incombenze immediatamente operative e che, dunque, impongono l’adozione di uno specifico atto da parte delle Università:

Tab.1 – Previsione espressa della L.240/10

Articolo

Atto

Oggetto

Eventuale termine

2, c. 4 Regolamento Codice etico 180 gg.
6, c. 4 Regolamento Incentivazione ———-
6, c. 7 Regolamento Modalità certificazione attività ———-
9, c. 1 Istituzione Fondo premiale ———-
10, c. 1 Istituzione Collegio di disciplina ———-
18, c. 1 Regolamento Chiamata professori ———-
24, c. 1 Regolamento Ricercatori a tempo determinato ———-

 Tab.2 – Previsione desumibile dalla L. 240/10  

Articolo

Atto

Oggetto

Eventuale termine

19 Regolamento Dottorato di ricerca ———-
22 Regolamento Assegni di ricerca ———-
23 Regolamento Contratti di insegnamento ———-

b. Disposizioni demandate a decreti che sono già stati adottati

Dei provvedimenti attuativi di stretta competenza del MIUR, a tutt’oggi soltanto 18 sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e sono entrati, dunque, in vigore. Essi sono quelli previsti negli articoli di seguito indicati:

  • Art. 2, c. 1, lett. N. Emolumenti del Direttore Generale (DM 21.07.11, n. 315, in GU 31.10.11, n. 254).
  • Art. 5, c. 1, lett. B; c. 4, lett. G, H, I. disciplina del dissesto finanziario delle Università e del commissariamento degli Atenei (D.Lgs. 27.10.11, n. 199, in GU 25.11.11, n. 275).
  • Art. 6, c. 9. Criteri e parametri per la valutazione delle attività didattiche e di ricerca svolte dai titolari dei contratti (D.M. 24.05.11, n. 242, in GU 21.09.11, n. 220).
  • Art. 6, c. 11. Stipulazione di convenzioni per consentire ai professori e ricercatori a tempo pieno di svolgere attività didattica e di ricerca presso altro ateneo stabilendo le modalità di ripartizione dei relativi oneri (DM 26.04.11, in GU 26.09.11, n. 224).
  • Art. 7, c. 5. Criteri e modalità per favorire la mobilità interregionale dei professori universitari che hanno prestato servizio presso corsi di laurea o sedi soppresse a seguito di procedure di razionalizzazione dell’offerta didattica (DM 26.04.11, n. 166, in GU 17.09.11, n. 217).
  • Art. 12, c. 3. Individuazione delle università telematiche finanziabili, cui spetta il contributo premiale (D.M. 25.05.11 – senza numero, in GU 23.09.11, n. 222).
  • Artt. 15 e 16. Definizione dei settori concorsuali per il conseguimento dell’abilitazione scientifica (D.M. 29.07.11, n. 336, GU 01.09.11, n. 203).
  • Art. 16, comma 2. Regolamento concernente l’attribuzione dell’abilitazione scientifica nazionale per l’accesso alla prima e alla seconda fascia dei professori universitari (D.P.R. 14.09.11, n. 222, GU 16.01.12, n. 12).
  • Art. 18, c. 1, lett. B. Definizione delle tabelle di corrispondenza tra le posizioni accademiche italiane e quelle estere (D.M. 02.05.11, n. 236, in GU 21.09.11, n. 220).
  • Art. 22, c. 7. Definizione dell’importo minimo degli assegni di ricerca (D.M. 09.03.11, n. 102, in GU 20.06.11, n. 141).
  • Art. 23, c. 2. Determinazione del trattamento economico spettante per i contratti di insegnamento (DM 21.07.11, n. 313, in GU 31.10.11, n. 254)
  • Art. 24, c. 2, lett. C. Criteri e parametri riconosciuti, anche in ambito internazionale, per la valutazione preliminare dei candidati destinatari dei contratti di cui all’art. 24 della L. 240/10 – ricercatori a tempo determinato (D.M. 25.05.11, n. 243, in GU 21.09.11, n. 220).
  • Art. 24, c. 3, lett. A. Regolamento concernente la definizione dei criteri di partecipazione di professori e ricercatori universitari a società aventi caratteristiche di spin off o start up universitari in attuazione di quanto previsto all’art. 6, comma 9, della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (D.M. 10.08.11, n. 168, GU 17.10.11, n. 242).
  • Art. 24, c. 5. Criteri per l’individuazione con regolamento d’Ateneo degli standard qualitativi per la valutazione dei ricercatori a tempo determinato in possesso di abilitazione (D.M. 04.08.11, n. 334, in GU 26.08.11, n. 198).
  • Art. 28, c. 3. Istituzione del Fondo formazione e aggiornamento della dirigenza (DM 27.07.11 – senza numero, in GU 30.09.11, n. 228).
  • Art. 29, c. 6. Definizione dei posti disponibili per l’ammissione al corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia, per l’anno accademico 2011-2012 (D.M. 05.07.11 – senza numero, in  GU 01.08.11, n. 177).
  • Art. 29, c. 7. Identificazione dei programmi di ricerca di alta qualificazione (DM 01.07.11 – senza numero, in GU 03.11.11, n. 256).
  • Art. 29, c. 19. Criteri e modalità per la ripartizione delle risorse tra gli Atenei per premiare il merito accademico e scientifico dei docenti (DM 21.07.11, n. 314, in GU 31.10.11, n. 254).

c. Disposizioni demandate a decreti che sono ancora in itinere

E’ ancora in corso l’iter di approvazione di molti importanti provvedimenti, tra i quali si segnalano quelli previsti negli articoli di seguito elencati:

Quello descritto è uno stato ancora molto provvisorio di attuazione della Legge di riforma; la speranza è che, presto, le Università possano contare su un impianto normativo completo ed efficiente.

Cita questo articolo

Stefoni S., De Angelis P., Lo stato di attuazione della legge di riforma delle università, Medicina e Chirurgia, 54: 2381-2382, 2012. DOI: 10.4425/medchir2012-54-2

____________________
  1. Solo a titolo esemplificativo si veda: Bettini S., La nuova governance delle università, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2011, pp. 359-379; Brancasi A., La finanza, in Giornale di diritto amministrativo, 2011, pp. 371-376; Carloni E., L’organizzazione della didattica e della ricerca, ibidem, pp. 366-371; Marzuoli C., Lo stato giuridico e il reclutamento: innovazioni necessarie, ma sufficienti?, ibidem, pp. 360-366; Merloni F., La nuova governance, ibidem, pp. 353-359; Natalini A., La valutazione, ibidem, pp. 376-381. []
  2. Per il quale si ringrazia, ora per allora, la dott.ssa Elena Montepaone. []
  3. Solo a titolo esemplificativo si veda: Bottari C., Tutela della salute ed organizzazione sanitaria, Giappichelli, 2011, pp. 180-183; Roversi Monaco M.G., Università e Servizio sanitario nazionale: l’azienda ospedaliera universitaria, Cedam, 2011, pp. 153-157. []

Comments are closed.