Distribuzione dei CFU negli SSD dei CLM in Medicina e Chirurgian.58, 2013, pp.2578-2579, DOI: 10.4487/medchir2013-58-3

Print Friendly, PDF & Email

Abstract

Working group was commissioned to evaluate the distribution of credits in the various branches of Medical Degree Courses. We can observe wide variations in the distribution of credits in the various scientific fields (SSD). It would be a guideline wich has the aim of rationalizing training process, taking into account the declared homogeneity of the core curricula of various SSD and then the relevance of credits.

Articolo

Il gruppo di Lavoro (GL), composto dai Proff. Rosa Valanzano, Rossana Cavallo, Rossella Fulceri, Graziella Migliorati, Italo Angelillo e Luigi Demelia, è stato incaricato dalla Conferenza dei Presidenti di CdLMMC di valutare la distribuzione dei CFU nei  SSD delle varie sedi dei Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia italiani. L’analisi è stata effettuata su 28 CdL che hanno inviato i dati in oggetto. Sono pervenuti al GL i dati di ulteriori 7 sedi che non è stato possibile analizzare in quanto comprensivi di CFU di didattica frontale e di attività professionalizzante e non scorporabili tra loro. Il GL sottolinea che la tabella dei CFU/SSD è una iniziale elaborazione che continuerà nel tempo, monitorando la problematica ed ampliandola fino ad un’analisi completa di tutte le sedi italiane. La tabella allegata prende in considerazione i CFU di tutti i SSD presenti nei vari CdL , il valore medio dei CFU ed i valori minimi e massimi.

Si possono osservare ampie variazioni nella distribuzione dei CFU nei vari SSD; per fare alcuni esempi osserviamo come i CFU di BIO/09 varino da un minimo di 12 CFU ad un massimo di 21, quelli di BIO/16 da 11 a 20, quelli di MED/09 da 10 a 27 , MED/18 da 10 a 24 e così si potrebbe osservare per i vari SSD. Tutti i SSD sono rappresentati nelle diverse sedi, con ovviamente maggior carico in CFU per quei SSD che storicamente possono essere considerati “portanti” per un corso di laurea in Medicina e Chirurgia, siano essi di base o caratterizzanti. Peraltro alcuni SSD sono rappresentati da un basso numero di CFU ma comunque presenti nei CdL, in particolare SSD cosidetti “specialistici”. L’autonomia didattica ed organizzativa dei CdL nei vari Atenei consente di caratterizzare le peculiarità di un corso di laurea, talora evidenziando  con l’attribuzione di CFU delle eccellenze in particolari SSD. Peraltro un’ eccessiva discrepanza tra le diverse sedi potrebbe comportare un “laureato diverso” ed una difficoltà al riconoscimento di crediti formativi in occasione di trasferimenti di studenti tra diverse sedi, cosa che potrebbe divenire attuale con l’applicazione delle nuove normative di accesso a Medicina. Sarebbe quindi auspicabile una linea guida che abbia l’obiettivo di razionalizzare il percorso formativo, tenendo conto della dichiarata omogeneità dei core curricula dei vari SSD e quindi dei CFU di pertinenza. Bisogna comunque tener presente che il numero di ore di didattica frontale ed interattiva attribuite ai CFU delle diverse sedi varia da 8 a 12 ore,  per cui questo potrebbe giustificare una certa diversità. Le ultime slides presentate si riferiscono alla distribuzione dei Corsi Integrati (CI) nei vari CdLMMC ed in particolare è stata analizzata la distribuzione di alcuni di questi nei vari anni. Alcune sedi privilegiano la distribuzione di un CI in diversi anni, altri in diversi semestri, altri ancora propongono CI maggiormente compatti, ovviamente in relazione ai CFU dei SSD. Si osserva un’ampia variabilità, in alcune sedi anticipando insegnamenti clinici già dal 3° anno di corso, in altre preferendo una spalmatura dell’insegnamento in diversi anni con forse una migliore integrazione verticale dell’insegnamento. E’ ancora uno studio preliminare che ha interessato 35 CdL e che il GL intende ulteriormente discutere ed approfondire presentando i dati in una futura Conferenza.

MEdchir_58_3

Cita questo articolo

Demelia L., Angelillo I., Casti A., et al., Distribuzione dei CFU negli SSD dei CLM in Medicina e Chirurgia, Medicina e Chirurgia, 58: 2578-2579, 2013. DOI:  10.4487/medchir2013-58-3

Comments are closed.